Il roseto Vacunae Rosae è situato nella zona del boschi della Dea Vacuna, dea di fertilità e benessere della Sabina. Al punto d’ingresso del visitatore corrisponde la presenza di un giardino di pietra ispirato all’Estremo Oriente – luogo della meditazione iniziale sulla bellezza e sul destino della rosa. Da qui il “viandante” inizia una ascesa intellettuale verso il giardino-paradiso.

Le cancellate sono elementi portanti della scenografia di fondo. Su di esse si arrampicano muraglie di rose. Sopra tutti i muri corrono festoni di rose sarmentose con un digradare cromatico lungo circa 800 metri.

All’esterno della cancellata di protezione corre un circuito di alberi sacri che amano la rosa: tamerice, melograno e mandorlo. La configurazione planimetrica del roseto è pervenuta alla forma di ala d’angelo ed è in grado di ospitare intorno a 7.000 rosai con ben 5.000 varietà di rose.

Il roseto propone un viaggio storico, culturale e artistico nel mondo della rosa. I 130 settori e i percorsi sono tematici. In ogni settore è presente un gruppo di rose omogeneo per lo sviluppo botanico, per storia, per colori e profumi.

L’asse fondamentale del giardino è segnato dallo scorrimento dell’acqua di 9 fontane, dalla piscina irradiante Virgo (sudest) a quella, accogliente, di Vacuna (nordovest). La sommità anche fisica, del giardino, è dunque dominata dal simbolo della Vergine e Virgo alimenta direttamente la fontana della Pantera, animale sacro a Dioniso.

Tra Virgo e Vacuna è presente la piscina di Psyche, centro del roseto che apparirà nascosta all’interno di un labirinto di rose. Dal labirinto si uscirà attraverso una scala e un ponte elevato che consente una vista a 360° del giardino.

Da Psiche scorrono le acque verso la fontana Viator. È la piscina del pellegrino visitatore che ascende la china della sapienza e viene benedetto dalle acque. Prima di giungere a Viator, le acque di Pyiche si inabissano in Sirr, la segreta e luogo di meditazione dei sapienti orientali.

Psyche e Sirr ricevono anche le acque di Lybra, la fontana dell’equilibrio e della saggezza, in opposizione simmetrica con Evoe, la folle fontana musicale della invocazione a Dioniso. Alla punta estrema dell’ala d’angelo c’è Hirundo, la fonte rondinella le cui acque affluiscono in Viator, per allietare la sua meditazione e in Vacunae, per annunciare l’eterna primavera.